Il Santo Vangelo – domenica Ascensione di Gesù al cielo

Mt 28, 16-20

Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte che Gesù aveva loro indicato.
Quando lo videro, si prostrarono. Essi però dubitarono. Gesù si avvicinò e disse loro: «A me è stato dato ogni potere in cielo e sulla terra. Andate dunque e fate discepoli tutti i popoli, battezzandoli nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo, insegnando loro a osservare tutto ciò che vi ho comandato. Ed ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo».

Commento: Volge verso il compimento il Tempo Pasquale; oggi ricorre la festività dell’Ascensione e si concluderà la prossima domenica con la Pentecoste. La settimana scorsa, Gesù invitava i Suoi Apostoli, dando loro le ultime raccomandazioni, di osservare i Suoi Comandamenti. Era l’Ultima Cena, tristezza e consapevolezza della fine che si avvicinava. Gesù è risorto, gli Apostoli, cui era stato sempre accanto per tre anni, con la cattura di Gesù si erano dispersi. Si ritrovano, il Signore torna a farsi vedere da loro. Era stato segnato, dal Signore, un percorso di vita e adesso lasciava loro un Mandato di testimonianza che raggiungesse tutta la terra, con la promessa di inviare lo Spirito Santo. L’Ascensione non rappresentava un addio, bensì una nuova modalità di presenza. Il Segno del Cero acceso, con la Riforma liturgica, è segno proprio del compimento del Cammino Pasquale. Gesù non è più presente come lo fu due mila anni fa con il Suo Corpo glorioso, ma è presente in ogni luogo. Come una goccia di colore che venga versata nell’acqua, la colora tutta, ma non si può riformare la goccia, così, adesso Gesù è dappertutto. Nelle specie del pane e del vino lo ritroviamo su tutti gli altari del mondo. La concretezza della presenza del Signore si attua anche nella testimonianza che ciascuno di noi deve dare del Signore. Impegno non facile, ma Egli non ci lascia soli, è sempre in mezzo a noi e ben comprendiamo come la migliore testimonianza sia il comportamento che teniamo nella nostra vita, con termini corretti, sana predicazione, con la gioia in cui si vive, pur portando le nostre croci. La Sua presenza illumina la nostra vita, soprattutto nei momenti bui, del dolore, della fatica. Compito arduo ma, la presenza di Gesù accanto a noi, ci rassicura e ci prepara ad accogliere il dono grandioso dello Spirito Santo che ci offre ricchezza di carismi, per superare gli ostacoli che si frappongono nel nostro cammino. Noi diventiamo strumenti di pace con la grazia del Signore.

Buona serata
Lia

Gesù ascende

Ascensione di Gesù

Gesù è asceso al cielo, ma ha detto: Io resto con voi, fino alla fine del mondo.

Gesù è in mezzo a noi, Gesù cammina con noi, è sempre al nostro fianco.

Si fa cibo e bevanda per la nostra anima.

Ci dona il Suo Corpo ed il Suo Sangue.

Gesù è nostra forza e nostra salvezza.

Buona notte

Lia

Gesù ascende Pietro_Perugino_cat75

Gesù ascende al cielo
Perugino

Sei presente (26 maggio 2017 – ore 22.33)


Sei presente
o Gesù mio
con il Corpo
e con la mente

Sei vincente
sei trionfante
eppur sull’altare
vittima innocente

Sacrificio ancor
pur incruento
amaro e solenne
in questa vita perenne

Ci doni salvezza
perdoni l’empietà
tutto fai, per noi ti dai
eterna, divina Carità.

Il Signore non ci ha lasciati soli. Egli è presente, vivo e vero
Anima, Corpo, Sangue, Divinità, su tutti gli altari del mondo.
Sacrificio incruento, che dona perdono e speranza di Vita eterna.
Accostiamoci, pentiti, a ricevere Gesù in noi.

Grazie, Signore Gesù!
Lia

eu 21